Categorie
Raspberry Pi Unix

Raspberry Pi: Installare VNC Server

Chi ha la sua Raspberry Pi in quanto tale esposizione, ancora voglia di utilizzare una sola console, per il server VNC è il diritto. VNC trasmette l'immagine dell'interfaccia grafica sulla rete, o port forwarding tramite Internet. In alternativa, è possibile installare Remote Desktop, e io i pro- Non entro nel ei contro dei due protocolli, a questo punto, in quanto questi sono discussi altrove sulla rete dettaglio. Qui di seguito descrivo come ottenere un server VNC sulla sua Raspberry Pi in esecuzione.
requisito: la distribuzione Raspbian o simili installato

Passo 1
Come un server VNC per il Raspberry Pi è consigliabile stretta VNC pacchetto, che può essere installato mediante il gestore di pacchetti APT.

sudo apt-get install tightvncserver

Passo 2

Ora installiamo o precarico, un piccolo strumento, che prevede, quali programmi e le dipendenze vengono aperti dopo e li carica in precedenza nella RAM. Questo ha il vantaggio, che l'interfaccia grafica è molto più veloce. è precaricamento non raccomandato per il funzionamento di Raspberry Pi come un server puro.

sudo apt-get install precarico

Passo 3

Successivamente, adattiamo una configurazione di precarico, quindi l'uso della RAM viene gestita efficacemente.

sudo sed -i 's / sortstrategy = 3 / sortstrategy = 0 / g' /etc/preload.conf

Passo 4

Ora iniziamo il server VNC per la prima volta. Ci viene chiesto di inserire una password per accedere. Quindi è possibile definire, se si desidera impostare una visualizzazione Solo password, consentire a terzi senza arrendersi o modificare propria password, a guardare il desktop del Raspberry Pi.

tightvncserver

Passo 5

Ora ci fermiamo nuovamente il server VNC, per rendere ulteriori servizi.

vncserver -kill :1

Passo 6

Ora poniamo uno script di avvio per il server VNC con il nome vnc.sh, in cui si entra seguenti comandi. Qui si può sostituire 1280 × 720 con la risoluzione desiderata. Tuttavia, vi consiglio senza overclock / overclock sopra 1280 × 720 di uscire, in quanto questo è chiaramente la performance.

nano vnc.sh

 

#!/bin / sh
vncserver :1 -geometria 1280x720 -depth 24

Passo 7
Ora diamo i permessi del file appena creato per l'esecuzione.

chmod + x vnc.sh

Se si vuole fare automaticamente VNC quando si avvia il Raspberry Pi iniziare quindi dobbiamo adottare le seguenti misure.

Passo 8 (opzionale)
Creiamo uno script di avvio / arresto in /etc/init.d nome vncboot e aggiungere il seguente script di avvio in questa. Come nel passaggio 6 la risoluzione può essere regolata nuovamente.

sudo nano /etc/init.d/vncboot

### BEGIN INIT INFO
# Fornisce: vncserver
# Required-Start: networking
# Required-Stop:
# Default-Start: 2 3 4 5
# Default-stop: 0 1 6
# Breve descrizione: avvia VNC
# Descrizione:
### END INIT INFO

export USER = 'pi'

eval cd ~ $ USER

# controllare lo stato
Astuccio "$1" in
inizio)
su $ -c USER '/ usr / bin / vncserver :1 -geometria 1280x720 -depth 24'
eco "vncserver di partenza per $ USER"
;;
Stop)
pkill Xtightvnc
eco "vncserver fermato"
;;
*)
eco "uso: /etc / init.d / vncboot {inizio|Stop}"
Uscita 1
;;
esac

Uscita 0

 

Passo 9 (opzionale)
Ora abbiamo il file creato ancora una volta di più la concessione di diritti.

sudo chmod 755 /etc / init.d / vncboot

Passo 10 (opzionale)

Infine, abbiamo bisogno di includere lo script nella Startup.

sudo update-rc.d default vncboot

finalmente completato! Quando si avvia il Raspberry Pi, il server VNC verrà avviato automaticamente. Se si desidera utilizzare il Raspberry Pi in questa forma, Ti posso consigliare di overclock questo, perché l'interfaccia grafica verrà eseguito molto più agevole. Come fare questo ho spiegato nell'articolo Overclocking / overclock senza perdita di garanzia. può collegarsi ora nel client VNC sulla porta 5901. Come cliente, posso visualizzatore TightVNC per Windows, per Mac OS X e Linux RealVNC raccomandare la-java tightvnc pacchetto.

Categorie
Raspberry Pi web

installare Apache2 su Rasperry PI

installazione di Apache

update apt-get
apt-get install apache2 php5 mysql server locali phpMyAdmin iftop php5-curl iotop schermo vim tightvncserver mysql-client
aggiornamento apt-get
apt-get dist-upgrade

Aggiornamento RPI

RPI-update

installare ownCloud

cd / var / www
wget https://download.owncloud.org/community/owncloud-8.0.3.zip
decomprimere owncloud-8.0.3.zip
rm owncloud-8.0.3.zip
stoccaggio mv ownCloud

Anabele Apache MOD'S

sudo a2enmod riscrittura
sudo a2enmod intestazioni
service apache2 restart
Categorie
Raspberry Pi Unix web

Funksteckdosen via Raspberry Pi tramite il terminale, Interfaccia Web o il controllo Siri – 433 mHz

occupazione

rpi2-pins

Raspberry PiTrasmettitoreRicevitore
perno 2 / 4 (5V) VCC VCC
perno 6 / 9 (GND) GND GND
perno 11 (GPIO17) - RPI Nr.1 UN PO
perno 13 (GPIO27) - RPI Nr.2 DATI (a fianco di GND)

Software

Veniamo ora al software. A tale scopo, è necessario prima avviare il Raspberry Pi, dove tutto è stato assemblato come descritto in precedenza. Collegamento si dovrebbe uniche volte

sudo apt-get update

eseguire. Questi i repository sono aggiornati. Poi git-core deve essere installato (se non già fatto comunque):

sudo apt-get install git-core

Al fine di realizzare il controllo del trasmettitore, c'è un progetto chiamatoWiringPi. Questo è installato sul Raspberry Pi come segue:

CD
git clone://git.drogon.net/wiringPi
cd wiringPi
./costruire

Per i nostri scopi,, per controllare le prese esiste già un progetto. Questo viene da xkonni e chiamato Lampone-Remote. Il tuo installato così:

CD
git clone://github.com/xkonni/raspberry-remote.git
cd lampone remoto

E 'in esecuzione, si deve a voi, né il send.cpp compilazione, Quindi digitare il seguente:

make send
make demone

installare un sniffer

CD
git clone https://github.com/ninjablocks/433Utils.git
cd 433Utils / RPi_utils
fare tutti

Per l'assegnazione dei pin

GPIO ReadAll

sniffer di prova

./RFSniffer
./codesend 1234

Interfaccia Web

Naturalmente è un po 'imbarazzante e scomodo, tutto avendo sempre preoccupare di terminale / SSH. Ma non è un problema! Lampone a distanza offre la stessa interfaccia Web con un abbinamento. Quindi, è possibile utilizzare la, deve la sua prima volta Apache e PHP installare sul vostro Raspberry:

sudo apt-get install apache2 php5

Qui andiamo all'interfaccia Web, ciò mitliefert xkonni direttamente. Inoltre ho la cartella

mkdir / var / www / html / remoto

una sottocartella a distanza creato. Poi il contenuto di ~ / lampone-remote / interfaccia web vi si trasferirono:

cp -Rf ~ / lampone-remote / interfaccia web / * / var / www / html / a distanza

Ora ha ancora in

abbiamo /var/www/html/remote/config.php

File l'indirizzo IP del Raspberry Pi da regolare: utilizzare semplicemente nano.

deamon

Ora manca ancora, il demone, si accede dallo script PHP l'interfaccia web. Per questo torniamo alla directory remota Raspberry: CD ~/lamponea distanza e compilare il demone: rendere demone
Ora possiamo iniziare questo:

sudo ./daemon &

il & cause, che il processo in esecuzione in background.

Ora siamo in grado di tentare la fortuna con l'interfaccia Web: Perciò noi chiamiamo da un'altra interfaccia web di computer / cellulare via http://192.168.11.44/a distanza/ (Inserisci il tuo IP) su. Se funziona e ci sono vari punti vendita visibili, poi si deve ora solo nelle prese config.php di nome e, eventualmente,. i codici, eccetera. regolare. La configurazione dovrebbe essere auto-esplicativo.screenshot_webinterface

Se si riceve un messaggio di errore del tipo "switch fuori portata: OTTENERE /:XY "ottiene, non ti preoccupare! Nel daemon.cpp sono per default solo i Codici Casa 00000 & 00001 & 00010 coperto. Questo può, tuttavia, cambiare facilmente. Vai alla directory di lampone Remote (con me /home / PI / lampone-remote /, anche tramite

cd / home / PI / lampone-remote /

e apre il daemon.cpp con nano. All'interno si trova la voce "nPlugs = 10;", che è sufficiente "nPlugs = 1110;". allorasudo make daemon ricompilare e sudo ./daemon & nuovo inizio. Ora dovrebbe funzionare con voi l'interfaccia web.

 

gonfiore:

Let lampone Pi di comunicare tra loro per segnali wireless 433MHz

https://alexbloggt.com/funksteckdosen-raspberry-pi-teil1/

https://alexbloggt.com/funksteckdosen-raspberry-pi-teil2/

 

Inoltre hanno ancora alcuni altri grandi progetti trovati

OK Google, Passa alla lista -> https://blog.medienman.de/blog/2017/08/20/google-home-steuert-433-mhz-funksteckdosen/

Categorie
notizia Raspberry Pi Synology Unix web

letsencrypt su Apache e Linux

questa è una piccola guida su come configurare letsencrypt su Apache e su linux

prima abbiamo bisogno di scaricare uno strumento letsencrypt e spostare la configurazione di esempio per la giusta posizione

cd / opt
git clone https://github.com/lukas2511/letsencrypt.sh
mkdir -p /etc/letsencrypt.sh
mkdir -p /var/www/letsencrypt.sh/
chown www-data:www-data /var/www/letsencrypt.sh
cp /opt/letsencrypt.sh/docs/examples/config /opt/letsencrypt.sh/config
cp /opt/letsencrypt.sh/docs/examples/domains.txt /opt/letsencrypt.sh/domains.txt

configurare il file di configurazione letsencrypt

/opt / letsencrypt.sh / config.sh

BASEDIR ="/etc / letsencrypt.sh /"
= wellKnown"/var / www / letsencrypt.sh /"
private_key ="${BASEDIR}/private_key.pem"
HOOK ="${BASEDIR}/hook.sh"
CONTACT_EMAIL ="my@mail.com"

 

configurare theletsencrypt alias per apache

/etc / apache2 / conf.d / letsencrypt

Alias ​​/.well-known/acme-challenge /var/www/letsencrypt.sh/
Opzioni Nessuno
AllowOverride None
Order consentire,negare
Consentire da tutto

configurare il file hook.sh per ricaricare la apache

/etc / letsencrypt.sh / hook.sh

#!/bin / bash

Se [ ${1} == "deploy_cert" ]; poi
eco " + gancio: Riavvio Apache ..."
/etc / init.d / apache2 reload
altro
eco " + gancio: Niente da fare..."
fi

cambiare il mod di questo file

chmod + x /opt/letsencrypt.sh/hook.sh

configurare il file del dominio

/opt / letsencrypt.sh / domini

www.mosandl.eu
storage.mosandl.eu

eseguire letsencrypt

/opt / letsencrypt.sh / -c disidratato

creare un crontjob che i certs verranno generati ogni settimana

1  1	* * *	radice /opt/letsencrypt.sh/dehydrated -c

vhost

Su SSLEngine
SSLCertificateFile /etc/letsencrypt.sh/certs/storage.mosandl.eu/cert.pem
SSLCertificateKeyFile /etc/letsencrypt.sh/certs/storage.mosandl.eu/privkey.pem
SSLCertificateChainFile /etc/letsencrypt.sh/certs/storage.mosandl.eu/chain.pem
SSLCACertificateFile /etc/letsencrypt.sh/certs/storage.mosandl.eu/fullchain.pem
Su SSLHonorCipherOrder
SSLCipherSuite ECDHE-RSA-AES256-GCM-SHA384:ECDHE-RSA-AES128-GCM-SHA256:DHE-RSA-AES256-GCM-SHA384

riscrive

RewriteEngine On
RewriteCond %{REQUEST_URI} !^ /. Ben noti
Alias ​​/.well-known/acme-challenge /var/www/letsencrypt.sh/
RewriteCond %{HTTPS} != on
RewriteRule ^ /?(.*) https://%{NOME DEL SERVER}/$1 [R,L]

passaggio delega

ProxyPass /.well-known !
Alias ​​/.well-known/acme-challenge /var/www/letsencrypt.sh/

Errori

Categorie
Raspberry Pi

Come può il Raspberry Pi sarà aggiornato alla nuova versione di Debian Jessie?

Attualmente la versione per Linux Wheezy. Ma chi vuole provare le nuove caratteristiche, possibile l'aggiornamento del Raspberry Pi su Jessie. anche se non tutti dovrebbe essere così stabile, si ottiene semplicemente, ma le ultime versioni. Z.b. PHP 5.5.12. Questa versione non è ancora puntuale con Gli aggiornamenti di sicurezza forniture e ha lo status di prova.

Ha bisogno solo di essere regolato il seguente file:

sudo nano /etc/apt/sources.list

Dove "wheezy" è impostato su "Jessie"Cambiamento e Salva. Poi avviare il processo di aggiornamento con:

sudo apt-get update && apt-get dist-upgrade && apt-get autoremove

E 'quindi venuto durante l'installazione, alcune questioni devono essere risolte, se il servizio ecc. da restartet. Poi, dopo circa. uno un'ora può con

sudo apt-get autoclean

i residui vengono rimossi e al sistema di essere riavviato:

sudo shutdown -r now

poi EVL. ancora controllare se tutto è ok con:

sudo apt-get controllo

In modo da avere ora anche la versione attuale di PHP, test con

php -v

ora genera:

PHP 5.5.12-1 (cli) (costruito: Può 11 2014 09:41:44)
Diritto d'autore (c) 1997-2014 Il PHP Group
v2.5.0 Zend Engine, Diritto d'autore (c) 1998-2014 Zend Technologies
con Zend OPcache v7.0.4-dev, Diritto d'autore (c) 1999-2014, da Zend Technologies